Ci abbiamo provato

“Edo, andiamo in montagna, così raccogliamo un po’ di foglie, di castagne e pigne da portare all’asilo per i vostri lavoretti?”

Siiiiii… pontagna e ca-castagne!!!”

“E vaiiii…”

E così sabato mattina carichiamo velocemente la macchina con destinazione montagna in Valsassina. Si parte con temperatura di circa 12 gradi e arriviamo con il termometro della macchina che segna 8: tutto sommato ce la caviamo con poca escursione termica. Entriamo in casa e ad accoglierci in tenuta da perfetto maggiordomo un pinguino che tutto contento per la compagnia ci fa gli onori di casa. Termostato impostato a 26 gradi e via fuori a fare subito un giretto così la casa si scalda.

Andiamo alla ricerca di castagne e foglie, ci facciamo un bel giretto per il paese, un po’ di spesa, giornale e poi via al Bar Sport per un aperitivo:

“Come lo volete? Alcolico o analcolico?”

“Alcolico, alcolico, molto alcolico…” (così ci scaldiamo ben bene).

Io e la mamma ci beviamo il nostro aperitivo della casa, mentre Edo si fa fuori tutte le patatine e i popcorns, lasciandoci solo le olive, in questo modo l’alcol in circolo si fa sentire meglio. Un altro bel giretto lungo il torrente e poi mentre passiamo sopra il ponticello di legno che ci porta a casa Edo si fa carico della nostra incolumità, invitandoci molto calorosamente a passare in mezzo perché ha paura che si possa cadere giù. In teoria dovrebbe essere il contrario, ma in quel momento si sono invertite le parti.

A casa troviamo sempre il nostro maggiordomo pinguino e dopo aver mangiato e giocato distruggendo il già malcapitato letto, si va a nanna. Fortunatamente in camera la temperatura era accettabile e inoltre Edo era vestito stile omino sulle nevi a 2000 metri, mentre in sala io e la mamma iniziamo a sentire i primi sintomi di congelamento, anche il pensiero di scaldarci in modo naturale si era congelato.

“Amore, fa un po’ freddino, vero?” – dico sarcasticamente alla mamma.

“E si… e poi Edo si è appena fatto una settimana a casa con la tosse, che facciamo?”

“Io quasi-quasi dopo cena tornerei giù a casa, non vorrei che ci trovassero i posteri congelati tipo mummia di Similaun!!!”

“In effetti, io ho già mal di testa per il freddo”

Verso le 16 si sveglia Edo con una temperatura buona, mentre io e la mamma abbiamo già iniziato la prima fase di ibernazione.

“Dai, andiamo a fare un giretto fuori, così ci scaldiamo un po’!!!”

Ci siamo fatti un altro bel giro mentre pian piano il sole andava giù e mentre si stava tornando a casa io e la mamma ci siamo guardati negli occhi e capiti al volo: col cacchio che rimaniamo un altro minuto di più… e così alle ore 20, dopo 12 ore esatte, ci siamo ritrovati al punto di partenza, cioè a Milano!!! Quando si dice un sabato diverso!!!

5 Responses to Ci abbiamo provato

  1. Non c’è niente di più freddo di una casa fredda da giorni.
    Mi ricordo quella che per qualche anno avevamo affittato sopra Varenna: anche con il riscaldamento acceso a manetta il venerdì sera, si tornava a Milano la domenica pomeriggio completamente surgelati.

  2. avrei fatto la stessa cosa!

    suggerisco la prossima volta di avvertire prima il maggiordomo pingiuno 🙂

  3. ..e sono soddisfazioni!!! :))

  4. che giornatona!!! 🙂
    mi ricorda casa mia tutto l’inverno prima dei camini…

  5. Soleil /Mamma Oggi Lavora

    quando si dice che in montagna, d’inverno, il riscaldamento fa la differenza…

    bravo Edo, viva la pontagna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.