Buio in sala: “Clerks” (1994)

Nell’anno di grazia 1994 mi trovavo in Sicilia alla fine di Luglio e così ho avuto modo di godermi quasi tutti i film del “Taormina Film Festclerks”. Oltre al già citato e famoso “Pulp Fiction”, ricordo un divertentissimo Eddi Murphy in “Beverly Hills Cop III” e poi un film in bianco e nero, poco “politically correct”, molto poco per la verità e come molti film dai budget ridotti ebbe un discreto successo.

La trama è molto semplice: si racconta la storia di una intera giornata di lavoro di un commesso di alimentari, Dante, costretto a recarsi al lavoro il suo giorno di riposo. Farà compagnia al protagonista, un altro commesso, Randal, che lavora al negozio di videonoleggio.

I dialoghi sono eccezionali ricordano in piccolo i  film di Tarantino e il bianco e nero da quel tocco in più di surreale e noir che rende davvero divertente il film.

“Avete per caso quello lì con quel tizio che ha fatto quel film che è uscito l’anno scorso?” (Cliente del videonoleggio)

Da vedere se si vuole trascorrere un’oretta e mezza in relax facendosi trasportare dai dialoghi senza aver bisogno dell’ultimo modello di tv led full-hd a 60’’ e 3D! 🙂

Da leggere ascoltando Amy Macdonald in “This is the life”

Questo post partecipa alla rubrica BUIO IN SALA, mercoledì cinematografico di Mamma F & Mamma C di Nati per delinquere. Grazie e buona visione.

7 Responses to Buio in sala: “Clerks” (1994)

  1. I like politically uncorrect!

  2. :)) bellissimo il dialogo!!! oggi tutti del 1994, eh?

  3. Mi ispira!
    Grazie della recensione.

  4. ricordo! esilarante!

  5. ahahahahah, sììììì, lo ricordo.. e ricordo benissimo Palla di Neve :DDDD

  6. tra l’altro aveva avuto un gran successo di botteghino, con un budget estremamente limitato di spesa.. sìsì, gran film 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.