Di papà, pipì e palestra

Questa sera all’uscita dal lavoro mi vengono prendere la mamma ed Edo e appena salgo in macchina mi chiama come non aveva mai fatto: pa-pà! Ripeti amore: pa-pà! Mi stai chiamando amore. Per la prima volta Edo mi ha chiamato, quelle due sillabe erano rivolte a me, non le diceva al vento o alla mamma quando non c’ero e dopo quella semplice parola tanto desiderata se la rideva di gusto contento anche lui di avermi fatto questo bellissimo regalo.

Lo stiamo assecondando nella sua voglia di autonomia sicuramente grazie anche al lavoro che sta facendo all’asilo senza assolutamente forzarlo (non vogliamo e non pretendiamo nulla al momento) e quando gli scappa la pipì va in bagno e cerca di togliersi i pantaloni. A quel punto intervengo a spogliarlo e dopo averlo sistemato sul water, fa la pipì tutto orgoglioso e immediatamente dopo inizia a richiedere rettangolini di carta igienica  per pulirsi, uno due, tre, se fosse per Edo finirebbe un rotolo a pipì e ogni tanto cerca pure di riprenderli infilando la mano tra le gambette a penzoloni, poi lo prendo in braccio e schiaccia il pulsantone per tirare l’acqua.

Quando Edo ero piccolo mi divertivo e si divertiva anche lui a lanciarlo in alto, tipo vola-vola l’ape maya. Crescendo questa giochino l’avevamo messo da parte, ma ultimamente è tornato prepotentemente di moda, con un’unica e piccola differenza: adesso il piccolo non è poi così piccolo pesando quindici-chili-quindici. Si mette in piedi sul lettone e sulle note di po-popopopo (il coro mondiale degli White Stripes) lo lancio in aria e cerco d riprenderlo al volo; dopo 5 minuti di lanci, la mia schiena e le mie braccia iniziano a chiedere pietà, ma Edo non contento di vedermi ansimante parte con il coro a modo suo. Se continua così, posso pure disdire l’abbonamento in palestra.

10 Responses to Di papà, pipì e palestra

  1. 🙂 Che carino il tuo Edo, sembra un bimbo molto dolce.

  2. @Claudia
    Dolce come lo zucchero filato per chi soffre di mal di denti!!! 😀

  3. Hai provato a barattare il volo con dei grattini?
    Con la bimba di mio fratello ha funzionato, solo che sono 12 anni che le devo fare i grattini, per ore, quando ci vediamo.

  4. @D8a5
    Fin da piccoli la differenza tra sessi è evidente: per lui giocare significa saltare sul lettone, mordere, lanciarsi addosso, i grattini sono perdite di tempo. Questa sera comunque un tentativo lo faccio, glielo devo almeno alla mia schiena!!!

  5. Il primo “pa-pà”… un momento da incorniciare! Proprio un bel regalo dal tuo Edo!

  6. caspita che bello il primo papá!! veramente storico!!
    anche i miei genitori mi hanno raccontato che immaginavano con tenerezza il giorno in cui li avremmo chiamati mamma e papà. Dopo alcuni anni e molti figli la loro frase era “vietato pronunciare le parole mamma e papà”. avevano acquisito una specie di udito settoriale e perché rispondessero alle nostre richieste funzionava solo il chiamarli per nome!!

  7. secondo me ha detto “pappa” 😀

  8. @v1mb
    assolutamente… mi sembra un secolo che aspetto quetso momento

    @Maggie
    per il momento aspetto che inizi a parlare, poi penserò come fermarlo

    @avvocanzo
    Ci sono buone probabilità tenuto conto che è una buona forchetta!! Ben venuto.

  9. @Ruben, mi sentirei di dissentire sulla questione della differenza dei sessi per i salti sul letto. La mia giusto che non morde, ma perchè è stata messa in punizione un adeguato numero di volte a suo tempo.
    Io ho notato che è questione di interlocutore: con me non salta più di tanto e si fa fare pure i grattini, con il papà si salta e si fanno le acrobazie!

  10. @Elena
    Ci sono sempre le eccezioni, naturalmente! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.