Articoli: «I profughi dello yacht»

Il “Buongiorno” di Massimo Gramellini di oggi credo che meriti assolutamente la citazione e lo inserisco subito tra gli articoli da conservare. Che bello non avere di questi problemi e sapere soprattutto che Edo non avrà mai nessuna ripercussione e nessun trauma per la mancanza dello yacht,  a lui bastano e avanzano le macchinine con cui giocare e sguazzare durante il bagnetto serale.

I profughi dello yacht

Ai lettori che vivono con preoccupazione la crisi economica vorremmo segnalare un dramma nel dramma. Quello di Elisabetta Gregoraci, moglie di Flavio Briatore e mamma del di lui erede, Falco Nathan. «Al mio piccolo manca lo yacht», è il grido di dolore che la donna ha affidato a un settimanale. «Da quando siamo stati costretti ad abbandonare la barca, il bambino piange spesso, non è più sereno come prima». Segue un racconto dettagliato e crudele: dopo la nascita del pargolo, la famiglia Briatore è costretta ad accamparsi su uno yacht con 12 persone di equipaggio e 63 metri di parquet. Una sistemazione di fortuna, in attesa che finiscano i lavori della nuova abitazione, che sorgerà in località defilata: Montecarlo. Ma ecco sopraggiungere i finanzieri a sirene spiegate, con l’accusa di contrabbando e frode fiscale. I profughi dello yacht devono scendere a terra e riparare in un attico di Londra, dove il clima è meno mite e il pavimento neanche ondeggia.
Siamo sicuri che milioni di donne si immedesimeranno nell’incubo della signora Briatore. È tale il terrore che i loro figli possano soffrire il trauma della perdita dello yacht che hanno preferito abituarli fin da subito a condizioni di vita meno precarie: una culla ricavata nella stanzetta della nonna. Da parte nostra – oltre a offrire al piccolo Falco Nathan la più incondizionata solidarietà per i decenni a venire – ci domandiamo se la sua mamma abbia una minima percezione della realtà che la circonda. Ma forse sullo yacht si captava soltanto il Tg1.

Massimo Gramellini

26 Maggio 2010 – La Stampa

7 Responses to Articoli: «I profughi dello yacht»

  1. Come sempre, Gramellini è un grande.

  2. sempre più trucidi.

  3. Gramellini è un mito..

  4. …in miniera o in fonderia… ai 2 coniugi lascerei solo questa scelta…e il bimbo in affido ad una madre VERA.

  5. fategli una barchetta di carta!!!!…roba da matti!

  6. Soleil / Mamma Oggi Lavora

    eheheh acuta analisi
    i miei figli non soffriranno della sindrome d’abbandono del natante, campano in una cameretta stretta con letto a castello che sembra la cabina della tirrenia…

  7. @D8a5 & Mamma C
    Sottoscrivo

    @polly
    che vuoi farci, quando si passa dalle stalle alle stelle!!!

    @Soleil
    no… la tirenia no, almeno della moby!!! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.