Vado o non vado?

Ieri dopo l’ufficio e il pre-serale con il teppista al parchetto e poi in cortile tutto gaio e contento, prima di salire sbircio nella casella della posta e che ti trovo: un po’ di pubblicità del solito kebabbaro appena aperto? Magari… l’avrei messo a far collezione insieme a tutti gli altri! Ma che, tante belle cartoline gialle, quelle della Posteitaliane per intenderci, quelle che ogni volta che le vedi pensi: questa volta mi hanno beccato che passavo con il rosso con braccio fuori dal finestrino stile John Travolta in Grease! Ma non è ancora finita: le cartoline gialle, non erano due, tre, ma bensì s-e-i, 6 raccomandate e tutte con numero diverso! Sei semafori rossi di fila? Sarebbe un record!!!

Da questa mattina, me le sto guardando e rimirando mancano fossero reliquie e cerco di cervellarmi per capire cosa possano essere: niente da fare! Quindi, qui nasce il dubbio amletico: vado o non vado in Posta? Faccio finta di nulla!!! Dal nervoso ormai non ho più unghie e nel caso non doveste leggere più alcun post sappiate che mi potete trovare secco e disteso allo sportello ritiro raccomandate e pacchi. Vi ho voluto bene!

AGGIORNAMENTO POST POSTE:

Non sono fortunatamente rimasto secco, ma l’inizio non è stato incoraggiante appena consegnate le s-e-i cartoline gialle all’impiegata; ha fatto un’espressione del tipo: “sono azzi tua!”. Attendo fiducioso (si fa per dire, già avevo fatto questo calcolo: 5 punti per multa uguale 30, ne ho 26 mi sa che non ci siamo, dovrò cercare qualcuno a cui distribuire le multe altrimenti non guido più fino alla maggiore età di Edo) finendo di mangiare gli ultimi pezzettini di unghie rimaste, quando torna con il malloppo e con sorriso smagliante mi fa: “tranquillo, non sono multe, solo la Tarsu!”.

La Tarsu? Si la Tarsu e per la precisione il funzionario responsabile (responsabile? non bastava una sola raccomandata!!!) comunica (una telefonata o un piccione viaggiatore non era meglio!) che si emetterà cartella di pagamento per l’anno 2009.

Tarsuuuuu? Ma vaffan… insieme a tutto l’inceneritore!!!

7 Responses to Vado o non vado?

  1. modestamente sono un’esperta mondiale!
    (in effetti sei multe tutte assieme non mi sono mai arrivate, perchè a quel punto mi sarebbe arrivata la cartella equitalia)
    i casi sono due, e queste le mie regole da coattona:
    -le vai a prendere, sai subito di che morte morire e magari fai anche ricorso (hai mi sembra 40 gg, attaccati a qualcosa di pretestuoso e fallo!)…e mi sa che fai anche un po’ incazzare la mamma di edo;
    -non le vai a prendere e quando ti arriva la cartella del recupero crediti fai ricorso dicendo che i vigili non te le hanno notificate nei tempi (30gg dalla data dell’infrazione, mi sembra)…la cartolina delle poste è volata via con il vento o è stata rubata dal vicino assieme all’ultimo numero di vanity fair

  2. Io andrei in Posta, PRIMA di firmare per ricevuta mi farei dire chi è il mittente e, nel caso (cioè quello che ipotizza Polly), non ritirerei.

  3. MammaTuttoFare

    o-mio-dio…..mi si è bloccato il sangue nelle vene….tienici aggiornati, mi raccomando!
    E ricorda, impara da tuo figlio, un’attimo è arrabbiato e subito dopo gli è già passata….eh eh eh , che malefica che sono!

  4. non dovrebbero scriverlo il mittente sulle cedoline gialle???
    tante così però.. mi associo all’idea di d8a5.. tanto se sono le famigerate cartelle verdi dell’ufficiale giudiziario (=multe!) non scampi.. Anche io ritirerei e farei ricorso (fatto e vinto già uno in passato 😉 )

  5. da ansiaaaaaaaaaaaaaaaaaa….facci sapere, weeee!!

  6. la tarsu che io sappia non è più in vigore da una vita, sostituita dalla “tariffa rifiuti”, però forse cambia da regione a regione. tu comunque informati bene perchè anche quella dopo un po’ (5 anni?) va in prescrizione se non te l’hanno mai notificata.

  7. Soleil / MammaOggiLavora

    mitica tarsu o chi per lei, sempre brava a far venire un infarto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.