Tag Archives: Inter

Così per dire twitter #3

“Pippo hai ancora 3 cambi e l’aiuto da casa. Chiamami che ti dico qualcosina.”
(cit. @nicpezzino)

“Comunque come annoda la sciarpa il Mancio, nessuno #MilanInter #amala”
(cit. @tongi979)

“La prima scomunica me la sono presa.”
(cit. @Bisco_3)

“Dodò sanguina. L’Albero Azzurro piange. #milaninter”
(cit. @EyeOfTheTiger87)

NOTA: Milan-Inter 1-1 (23.11.14)

Articoli: “La partita più bella del mondo”

Questo articolo che conservo gelosamente lo dedico all’Inter che questa sera si gioca la semifinale di Champions contro il Barcellona (non sto gufando assolutamente, no-no, ci mancherebbe!!!). 😉

Non serve scomodare le quartine di Nostradamus o la sfera della zingara. La maledizione è lampante. Persino stucchevole. Adriano che si rompe a pochi giorni dal fondamentale derby di Champions (si giocherà il 6 e il 12 aprile) replica due anni dopo in fotocopia il Bobo Vieri che dà forfait alla vigilia delle semifinali, nel maggio 2003. È solo l’ultima, in ordine di tempo, delle fantasiose sventure che hanno ispirato i tifosi interisti a riscrivere la legge di Murphy (ovvero «se una cosa può andare male, stai sicuro lo farà») in chiave autoderisoria. Punto primo: «L’Inter è una squadra democratica fondata sulla sfiga».

Di leggende nere se ne tramandano almeno due o tre. Quella di frate Eligio, cappellano del Milan e padre spirituale di Gianni Rivera, detto «tonaca e champagne» per come sapeva coltivare ascetismi da clausura e insieme libare nei lieti calici della mondanità, amico e confessore dei ricchi «perché i ricchi, si capisce, soffrono più dei poveri». Esasperato da anni di ingiurie interiste, con il suo Milan umiliato che se la gioca in B con la Cavese, una notte del 1982, persa la pazienza, affacciato alla finestra della sua confortevole cella, avrebbe ululato alla luna piena: «Ancora uno e così sia, poi la carestia». Così sia. L’Inter vince nel 1989 il suo ultimo scudetto, quello con il Trap, uno milanista dentro, e poi lo zero assoluto.

Read more »

Giochino: cerca l’italiano

Sono un appassionato di calcio, sono tifoso milanista e ieri sera mi sono messo davanti alla tv per seguire il 2° tempo di Chelsea-Inter (il primo me lo sono perso per la nanna del topo). Da buon sportivo italiano ho fatto il tifo per i giocatori italiani, soltanto che tra i 22 in campo e i 2 allenatori, l’unico italiano era Carletto Ancelotti (un puro caso che sia stato un grande ex-milanista, solo un puro semplice caso, fidatevi!). Quindi alla fine mi è costato fare il tifo per il Chelsea. Soltanto che in questo periodo non ne va bene una… 🙂