Tag Archives: Investigatore privato

Buio in sala: “Innocenza Colposa” (1992)

Dopo aver saltato il turno settimana scorsa, torno care le mie NxD con un film credo non molto conosciuto ma che mi è rimasto dentro. All’epoca (ne sono passati di anni!) mi colpì molto il lavoro del protagonista, non perché faceva l’investigatore privato ma perché non lo faceva come il mitico Magnum PI, sole, mare, spiagge bianche, belle donne e Ferrari: in Inghilterra (grigia e piovosa come da copione) negli anni ‘50 il divorzio veniva concesso solo se uno dei coniugi veniva colto in flagrante adulterio, per questo il nostro PI Liam Neeson fotografa in un albergo sua moglie Hazel (Maggie O’Neill) col divorziando di turno, usando una cameriera come testimone. All’epoca la visione al cinema mi lasciò attaccato alla poltrona fino alla fine: sarà stato lui oppure no ad ammazzare moglie e cliente fedifrago di turno? Classica domanda da giallo.

innocenzacolposa Trama (tratta da corriere.it): “Brighton (Inghilterra) nel 1959 un investigatore privato usa la moglie per adescare uomini sposati e farli sorprendere in flagrante adulterio a favore di mogli che vogliono il divorzio, allora regolato in Gran Bretagna da leggi assai restrittive. Quando la moglie e un suo cliente sono assassinati, il principale indiziato è lui. Ispirato nelle immagini e nella ricostruzione dell’ambiente inglese di provincia al cinema noir americano degli anni ’40, il film, scritto dal regista, s’avvale dell’intensa recitazione di Neeson, bravo come il solito, ma ha il suo punto debole nella San Giacomo, improbabile donna fatale, amante di un artista di fama mondiale.”

Nulla di nuovo in tema di gialli, una variazione sul tema in cui il buono non si sa se è veramente buono e la cattiva veramente cattiva, ma fino alla fine i colpi di scena faranno tendere l’ago della bilancia da una parte o dall’altra come impazzito da un campo magnetico.

Raramente l’ho visto in tv e anche in rete non ho trovato molto, per non dire nulla.
Un buon film, niente a che vedere con il maestro Hitchcock, ma pur sempre un bel film.

Da leggere ascoltando Dire Straits in “Private Invstigations” (live)

Questo post partecipa alla rubrica BUIO IN SALA, mercoledì cinematografico di Mamma F & Mamma C di Nati per delinquere. Grazie e buona visione.