Tag Archives: sogno

Passo dopo passo

Related posts: Un passo alla volta

Edo e il Milan

La storia del Milan raccontata da Edo Classe 2ª A (a.s. 2014-15) Related posts: Racconti pre e post camp Disegni e Passioni

Lustro

Mi ricordo tutto, ogni minimo dettaglio di quanto successo 5 anni fa, ma se dovessi scegliere fra tutti non posso dimenticare il momento esatto che l’ostetrica mi diede in braccio quel piccolo pacchettino. Notte, ma ero sveglissimo (mi ero fatto … Read more »

{this moment #55}

  “A Friday ritual. A single photo – no words – capturing a moment from the week. A simple, special, extraordinary moment. A moment I want to pause, savor and remember.” Words and Inspiration By Amanda and many others… Related … Read more »

Giorni

18.06.12

Ci sono giorni particolari, il tempo non li ha fatti scivolare via come tutti gli altri, ci sono giorni in cui basta aprire gli occhi e ti rendi conto che vorresti che molte cose fossero andate diversamente, vorresti semplicemente prendere il telefono e dire due parole, di quelle che sembrano banali, di quelle quando eri giovane facevi quasi fatica a dire per una sorte di pudore che adesso non saprei spiegare, ma era così.

“Ciao pa’, come stai? Tanti auguri!”

Ci sono giorni e momenti della vita che vorrei tirar su quel telefono perchè la necessità di te è quasi fisica, sapere che qualunque strada dovessi mai imboccare ci saresti sempre tu a indicarmi la via d’uscita. Affronterei le sfide della mia vita con un po’ di tranquillità senza trovarmi sveglio alle 3 del mattino senza sonno con la testa pesante dai pensieri, così pesante che è meglio guardare un film demenziale in tv.

Oggi per una serie di circostanze mi sono trovato nel “tuo” ufficio, mi fa sempre uno strano effetto entrare in quel posto. Alla domanda le do il numero per prendere appuntamento ho risposto: non c’è bisogno, è sempre registrato nella mia rubrica.

Da leggere ascoltando Gianna Nannini in “Fotoromanza”

Finalmente tra le braccia della mamma e mie

Bambino, se trovi l’aquilone della tua fantasia legalo con l’intelligenza del cuore. Vedrai sorgere giardini incantati e tua madre diventerà una pianta che ti coprirà con le sue foglie. Fa delle tue mani due bianche colombe che portino la pace … Read more »

Buio in sala: “Basilicata coast to coast” (2010)

Care le mie NxD, rieccomi finalmente, dopo settimane di assenza ritorno con un film italiano, una commedia on the road come dicono quelli che se ne intendono.

Trama (da wiki): “Quattro amici di Maratea, Nicola Palmieri (Rocco Papaleo) tastiere e voce, Franco Cardillo (Max Gazzé) contrabbasso, Salvatore Chiarelli (Paolo Briguglia) chitarra e Roccbasilicatacoasttocoasto Santamaria (Alessandro Gassman) percussioni, da ragazzi avevano fondato una piccola band di provincia. Ora invece sono un professore di matematica, un falegname, un tabaccaio e un attore. In una calda estate lucana, i quattro decidono di partecipare al festival nazionale del teatro-canzone di Scanzano Jonico e si danno il nome alternativo “Le Pale Eoliche”. Da Maratea a Scanzano Jonico, i quattro amici devono attraversare tutta la Basilicata, dalla costa tirrenica alla costa ionica.”

Mi sono divertito molto a vedere questo viaggio, mi sono fatto accompagnare attraverso paesaggi lucani che non conosco, la musica è il filo conduttore insieme al viaggio e il tutto è ricamato da una bellissima fotografia. Un bel film che si vede volentieri tra risate, silenzi e canzoni con personaggi un po’ caricaturali come Max Gazzè, bassista che causa sofferenza amorosa non parla più oppure il buon Alessandro Gasmann che si spaccia per attore, ma in realtà non lavora da anni nemmeno per fare una pubblicità. E’ un viaggio intrapreso da quattro amici a cui si unisce una giornalista figlia di papà (Giovanna Mezzogiorno) per raccontare questo strano viaggio. Pensatore, ideatore di questo viaggio è Rocco Papaleo bravissimo come sempre (indimenticabile con il parrucchino biondo nel film di Pieraccioni “Una moglie bellissima”):

«La Basilicata esiste, è un po’ come il concetto di Dio, ci credi o non ci credi.»

Vi lascio con la scena più dolce di tutto il film, un omaggio a tutte le donne, mogli e madri che leggono il blog, un omaggio naturalmente alla donna che ho scelto di avere al mio fianco:

Da leggere ascoltando “Basilicata on my mind”, colonna sonora del film

Questo post partecipa alla rubrica BUIO IN SALA, mercoledì cinematografico di Mamma F & Mamma C di Nati per delinquere. Grazie e buona visione.

Aggiungi un posto a tavola ovvero un titolo più originale lo potevo trovare

Ti ho guardato con la bocca aperta, gli occhi incollati a quel televisore appeso al muro mentre tenevo stretta la mano di tua mamma, ero teso ed emozionato visto che era trascorso più di  un mese dal nostro ultimo incontro. … Read more »