Tag Archives: compleanno

Sogni e ricordi

Se c’è un momento per osare, per fare la differenza,
per iniziare qualcosa che vale la pena fare, è adesso.
Non per una grande causa, ma per qualcosa che accende il tuo cuore,
per qualcosa che è d’autentica ispirazione, per un tuo sogno.
Lo devi a te stesso, per rendere speciale ogni tuo giorno sulla terra.
Divertiti. Scava in profondità e riemergi. Respira la vita. Vivi i tuoi sogni!

(Stephen Littleword – Piccole cose)
Ciao Cri… questa poesia rappresentava tutta te stessa, eri così, sincera, spontanea, irruenta, testona con un cuore immenso, troppo grande per questo mondo.

Passo dopo passo

Related posts: Un passo alla volta

Quattro

28.09.15

E sono quattro…

Quattro da vivere
Quattro da giorire
Quattro da piangere
Quattro da sognare
Quattro da amare

Mia vita
Mia gioia
Mio pianto
Mio sogno
Mio amore

Un omaggio alla tua passione di farti selfie (quattro)

2014-08-15 2014-09-25 2015-04-05 2015-09-20

Buon compleanno Vick

 

Mamma,

4

Una vita fa, bello ciccio e biondino in braccio di mia mamma.
Auguri, oggi sulla torta ci sarebbero state 69 candeline.

Piccoli regali

 18.06.14

Auguri papá, non so dove sei stato in tutti questi anni, ma so sicuramente con chi sei.

…e son 2!!!

 28 Settembre 2013

DSCN1295

Ricordo tutto di quel giorno, sarà che Vick è il secondo, sarà stato che era tutto programmato (va bè siamo andati un po’ lunghi, ma il 28 doveva venir fuori è così è stato) sarà stato che rispetto a Edo non ci sono state complicazioni, ma quella giornata è stampata in testa così come la serata trascorsa da soli io e Edo.

AUGURI MIO GRANDE VICK, L’UOMO CHE NON DEVE CHIEDERE MAI!!! Ti adoro e non solo io, anche la mamma e il tuo fratellone Edo che stamattina abbiamo accompagnato a scuola e sei scoppiato a piangere e mi hai pure menato perchè volevi entrare con lui. Ho un solo desiderio da chiederti: riusciamo a dire qualche parolina prima del prossimo compleanno o dobbiamo aspettare i soliti tempi biblici come fatto con tuo fratello?

DSCN1300(anzichè soffiare ha spento la candelina con le dita)

DSCN1296(applausi per tutti)

 Giù il sipario!

 

 

 

 

Nonno che sei il mio custode

“Come tutti i nati il 2 ottobre (io e Massimo – in confidenza –  siamo in buona compagnia), ho sempre avuto un rapporto tormentato ma vivo con il nostro co-festeggiato: l’angelo custode. La preghiera infantile “Angelo che sei il mio custode…” ha lasciato il posto alle ironie dell’adolescenza e ai dubbi dell’età adulta, fino a quando un approccio diverso alle questioni dello spirito mi ha convinto dell’esistenza di energie invisibili agli occhi (l’essenziale, direbbe il Piccolo Principe). Ma c’è un angelo visibilissimo, la cui festa è stata giustamente associata a quella degli esseri di luce. Il nonno. Il nuovo Stato Sociale. Se in Italia la disoccupazione endemica dei ragazzi dai 18 ai 40 anni non ha ancora prodotto una rivolta è perché i nonni mantengono i nipoti con i soldi che avrebbero voluto lasciare in eredità ai figli.

Il nonno custode è un nonno sempre più lucido e longevo. Un nonno pioniere, protagonista di una rivoluzione demografica che non ha precedenti nella storia. Gli anziani si avviano a diventare maggioranza nel Paese. Un primato che comporta diritti, ma anche doveri. Uno è il ruolo, già ricordato, di banchieri a fondo perduto. L’altro consiste nel non potersi più permettere il lusso di essere vecchi. Finché erano pochi, i nonni avevano tempo e modo di dedicarsi alla rivisitazione nostalgica del passato. Ma da quando sono un esercito, e un esercito in salute, tocca loro il compito che sarebbe della giovinezza: fare progetti, annaffiare sogni, coniugare verbi al futuro. Affinché si avveri l’auspicio di un umorista sublime, Marcello Marchesi: l’importante è che la morte ci colga vivi.”

Massimo Gramellini

Per te

Auguri e buon compleanno dai tuoi tre maschietti di casa.   Related posts: Un amore iniziato tre anni fa… Buon Compleanno Carlo Buon Anno!

A mia mamma

Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso
sei un granello di colpa
anche agli occhi di Dio
malgrado le tue sante guerre
per l’emancipazione.
Spaccarono la tua bellezza
e rimane uno scheletro d’amore
che però grida ancora vendetta
e soltanto tu riesci
ancora a piangere,
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata
e allora diventi grande come la terra
e innalzi il tuo canto d’amore.

(Alda Merini)

Auguri Mamma, ovunque tu sia!

Lustro

Mi ricordo tutto, ogni minimo dettaglio di quanto successo 5 anni fa, ma se dovessi scegliere fra tutti non posso dimenticare il momento esatto che l’ostetrica mi diede in braccio quel piccolo pacchettino. Notte, ma ero sveglissimo (mi ero fatto … Read more »